Protocollo – la teoria delle reti di Alexander Galloway


In short, protocol is a type of controlling logistic that operates outside institutional, governmental, and corporate power. The contradiction at the heart of protocol is that it has to standardize in order to liberate. It has to be fascistic and unilateral in order to be utopian. It contains, as Jameson wrote of mass culture before it, both the ability to imagine an inalienated social life and a…

0 Commenti33 Minuti

Biopolitiche e forme di potere in reti sociali decentrate


L’idea che ogni teoria politica contemporanea debba tener conto che il potere è decentrato, ovvero che non esiste come in passato un agente del potere privilegiato e definito; 2 il potere ha a che fare con la realtà materiale tout court e non è al contrario qualcosa di puramente umano; è sottolineata da un certa scuola di sociologia - quella di Manuel Castells e del suo gruppo di ricerca -…

0 Commenti15 Minuti

Meccanismi di potere

Governability e politiche del Sè


A differenza del primo Foucault, gli scritti tardi dell’autore tentano di dar ragione della completa amministrazione e razionalizzazione della vita sociale investigando le relazioni asimmetriche di potere / sapere a partire dai concetti di “biopolitica” e “biopotere” piuttosto che dall’analisi degli apparati istituzionali di potere. Al pari della teoria critica tedesca, la cosiddetta Scuola di…

0 Commenti10 Minuti

Michel Foucault

Foucault, Panopticon e ordine disciplinare


Abbiamo visto come secondo Heidegger, la questione circa l’essenza della tecnica non possa venir risolta attraverso la definizione della tecnologia. Il principio che domina la tecnica moderna risponde solamente al proprio auto-perpetuarsi e migliorarsi. In questo senso, Heidegger insegna l’automobile, l’aeroplano o il computer non possono venir pensati come oggetti nel senso tradizionale ma…

0 Commenti20 Minuti

Big Brother

Heidegger, Gestell e la questione della tecnica


La questione sulla tecnica, una lezione che Martin Heidegger tenne a Monaco di Baviera nel 1953, è forse il più importante lavoro filosofico dedicato alla tecnologia del Novecento. Liberata dal cupo pessimismo postbellico, la diagnosi heideggeriana è forse utile per iniziare a chiarire il senso della tecnica a patto che il lettore di oggi sia in grado di mitigare, non limitare, l’estrema…

0 Commenti14 Minuti